Bevete il latte ogni giorno? Cosa state rischiando: gli esperti lanciano l’allarme

Il latte è da sempre considerato un pilastro fondamentale dell’alimentazione umana, soprattutto nelle fasi iniziali della vita. Tuttavia, negli ultimi anni, si è assistito a un crescente dibattito riguardo ai potenziali rischi e benefici legati al suo consumo durante l’età adulta.

In questo articolo, esploreremo in dettaglio cosa accade al nostro organismo quando consumiamo latte regolarmente e cosa succede se decidiamo di eliminarlo dalla nostra dieta.

Latte e rischi
Rischiamo a bere latte tutti i giorni? (SnoItalia.it)

L’uomo è l’unico animale che continua a consumare latte dopo lo svezzamento e, per di più, non il latte della propria specie ma quello di altri animali come le mucche. Questo comportamento alimentare unico ha radici profonde nella storia dell’agricoltura e della domesticazione degli animali.

Il latte bovino è ricco di nutrienti essenziali e ha giocato un ruolo cruciale nell’alimentazione umana per millenni. Tuttavia, la questione che sorge spontanea riguarda le implicazioni di questo consumo protratto nel tempo sulla salute umana.

Intolleranza al lattosio: un fenomeno diffuso

Una delle prime considerazioni da fare quando si parla di consumo di latte riguarda l’intolleranza al lattosio. Questa condizione deriva dalla ridotta capacità o dall’incapacità totale di digerire il lattosio, lo zucchero presente nel latte, a causa della carenza dell’enzima lattasi.

Le persone affette da intolleranza al lattosio possono esperire sintomi quali gonfiore addominale, flautolenza e disturbi intestinali dopo aver consumato prodotti lattiero-caseari. La soluzione per molti consiste nel passare a prodotti delattosati o esplorare alternative vegetali al latte.

Fattori di crescita e proteine del latte

Contrariamente a quanto spesso si legge online, le proteine del latte non rappresentano una minaccia per gli adulti in termini di assorbimento dei fattori di crescita contenuti.

Nell’adulto sano la barriera intestinale decompone questi composti prima che possano essere assorbiti come tali dal flusso sanguigno.

L’impatto del latte sui fattori endogeni

Latte e possibili impatti
Impatto del latte? (SnoItalia.it)

È vero che il consumo proteico può stimolare i fattori endogeni della crescita attraverso alcuni aminoacidi specifici.

Tuttavia questa caratteristica non è esclusiva del solo latte ma concerne più generalmente tutte le fonti proteiche.

Acidificazione ed effetti sul ph corporeo

La teoria secondo cui il consumo di determinati alimenti possa significativamente alterare il ph corporeo verso uno stato più acido o basico non trova sostegno scientifico robusto.

Infatti il corpo umano dispone dei propri meccanismi regolatori molto efficaci.

Osteoporosi: correlazioni ingannevoli

Sebbene sia vero che i popoli con maggior consumo pro capite di latte mostrino tassi più elevati d’osteoporosi, ciò sembra dovuto piuttosto allo stile vita sedentario tipico delle società industrializzate piuttosto che all’effetto diretto del consumo stesso del lactose.

Calcio e salute ossea: oltre il latte

Il calcio è senza dubbio importante per la salute ossea ma concentrarsi esclusivamente sul suo apporto tramite il consumo quotidiano può risultare riduttivo.

Altri fattori come attività fisica regolare ed esposizione adeguata alla vitamina D giocano ruoli cruciali nell’omeostasi ossea.

Il China Study e altri studi sul cancro

Nonostante alcune correlazioni deboli tra consumo elevato specificatamente con tumore alla prostata siano state osservate nello studio cinese noto come “China Study“, generalizzare dicendo che “il latte causa cancro” sarebbe scientificamente inaccurato ed ingannevole.

Impostazioni privacy